Tuesday, May 1, 2012

Home sweet Home.

Ci sono case che hanno un'anima calda, case che hanno un'anima fredda, case spoglie, case ricche e colorate. Quella di mia sorella la definisco ricca, colorata con un'anima calda; entrando, il primo senso che reagisce è quello dell'olfatto, si respira da subito un'aria intrisa di incenso e di spezie, poi subito dopo, quello che si vede balza agli occhi:  nonostante non sia molto grande, mia sorella è riuscita a ricreare in un piccolo ambiente vari angoli che portano l'ospite a vivere l'India con i suoi tappeti, elefanti e colori sgarcianti, a vivere l'antico nell'angolo soggiorno, con il tavolo e la credenza che con eleganza mostrano la loro materia, il vecchio caro legno massiccio trasmettendo un senso di calda accoglienza e di fronte a tutto questo, una cucina che ti trasporta dritto nel moderno. Non c'è niente che stoni in quella casa, neanche le conchiglie abbracciate da cornici appese nel muro e neanche la sabbia del Sahara che sfoggia il suo colore rosso ramato in un vaso di cristallo dalla forma bassa e ondulata.
Così stasera abbiamo passato la nostra serata nella casa dall'anima calda e colorata, davanti ad una pizza ed un po' di rosso, in compagnia dei nostri cari a ridere e scherzare, brindando alla vita.







No comments: