Tuesday, April 24, 2012

Il San Domenico.

Questa mattina in una delle mie escursioni del centro, mi sono trovata davanti al ristorante imolese più famoso al mondo: il S. Domenico. Questo ristorante prende il nome dalla chiesa adiacente del  '700; viene aperto nel 1970 da un signore di nome Morini con lo scopo di far conoscere la cucina delle case nobili italiane, curato nei minimi dettagli dagli arredi alle posate, per la prima volta in un ristorante si usa il servizio con bicchieri di cristallo,quando nel passato invece nelle case venivano riservati solo agli ospiti importanti.
Così il Signor Morini prende con sè due fratelli molto giovani e un grande maestro della cucina, il Signor Bergese che lavorò anche per la famiglia Agnelli e avvia il ristorante che nel giro di pochi anni potrà vantare di avere tra i sui amici clienti Ricky Tognazzi, Gina Lollobrigida, altri attori italiani e stranieri, più tardi Naomi Campbell che organizzò anche una festa di compleanno a sorpesa all'amato di quei tempi, Briatore e così via.
Anni fa, grazie ad un'amica, ho avuto l'occasione di mangiare nella cucina del ristorante il loro buonissimo, freschissimo gelato artigianale e di ammirare nei muri le foto con i mille personaggi passati da lì o incontrati all'estero in qualche galà della cucina, c'era pure l'allora presidente degli Stati Uniti, Bill Clinton.
Dopo aver fatto qualche foto al ristorante, mi fermo in un bar, apro il giornale e cosa leggo?? Un articolo sul S.Domenico, incredibile. Questo articolo diceva che il giorno prima un cuoco americano, scrittore di successo, accompagnato dal suo amico anch'egli cuoco americano, sta registrando un programma di cucina per la tv italiana. L'amico, il Signor Michael White, lavorava per il S.Domenico negli anni 90 e ha aperto a New York city un ristorante in onore del fondatore di quello italiano, Morini, chiamandolo Osteria Morini. Se dovesse capitarvi, fateci un salto.
Imola, è piccola, ma ha comunque qualche nicchia da scoprire.

http://www.sandomenico.it/


http://www.osteriamorini.com/

No comments: